Oggi è 18/07/2019, 3:10


Martingala e Antimartingala

In questo spazio vengono discussi argomenti semplici che riguardano soprattutto chi è alle prime armi
  • Autore
  • Messaggio
Non connesso
Avatar utente

Sinapsi

  • Messaggi: 135
  • Iscritto il: 11/10/2011, 14:31

Martingala e Antimartingala

Messaggio15/10/2011, 9:54

Le persone di buon senso sanno benissimo che in borsa – come in qualsiasi altra attività economica - formule magiche o metodi a guadagno sicuro investendo un modestissimo capitale non esistono. Viceversa sono consapevoli del fatto che per puntare al successo economico stabile bisogna sfruttare le più efficaci metodologie conosciute e le condizioni di minor rischio e maggiore convenienza; sanno che rinunciare a queste significa fare trading perdendo delle opportunità di investimento e andando inevitabilmente ad infoltire quella nutrita schiera di perdenti a vantaggio di quei pochi che riescono a trarre profitti costanti nel tempo da questa attività. :20
Non connesso
Avatar utente

Sinapsi

  • Messaggi: 135
  • Iscritto il: 11/10/2011, 14:31

Re: Martingala e Antimartingala

Messaggio15/10/2011, 10:10

Perciò, per diventare un trader di successo in opzioni, l’obiettivo non è quello – impossibile – di “non perdere mai”, ma quello – possibilissimo – di rimetterci poco, o pochissimo, quando si perde e di incassare tanto, o tantissimo, quando si guadagna.
Il principio fondamentale che dovrebbe ispirare qualsiasi investitore consapevole è quello di adottare le giuste tecniche di controllo del rischio e del capitale da impiegare in ogni operazione di trade, ovvero le cosiddette tecniche di Money Management, solitamente poco conosciute in ambito finanziario. :12
Non connesso
Avatar utente

Sinapsi

  • Messaggi: 135
  • Iscritto il: 11/10/2011, 14:31

Re: Martingala e Antimartingala

Messaggio15/10/2011, 10:57

Ma cos’è di fatto il Money Management? :?:

E' sorprendente constatare il fatto che molti trader attivi non abbiano alcuna idea di cosa sia il Money Management, come dice la parola stessa, vuol dire gestione del capitale, ovvero capire quanta parte del nostro capitale bisogna impiegare per ogni operazione di trading.
Spesso il Money Management viene confuso con il Risk Management che si occupa invece del rischio del singolo trade, cioè di come gestire lo stop loss e come seguire l’evoluzione dell’operazione messa a mercato, evitando per esempio che una posizione possa sfuggire di mano e andare in questo modo a generare forti perdite.

Ebbene, visto che il capitale a disposizione per il trading rappresenta la risorsa fondamentale con cui affrontare questa attività, non possiamo permetterci operazioni che - pur avendo buone chance di riuscita - possono metterlo a repentaglio.
In altre parole, anche se in passato una determinata tecnica si sia dimostrata profittevole, nulla vieta che in futuro la stessa operazione possa generare una perdita dal momento che ogni trade risulta indipendente e condizionato esclusivamente dalle condizioni del mercato sul quale si sta operando.

Perciò, adottare un buon sistema di Money Management è saggio e giusto altrimenti si rischia, non soltanto di perdere tutti i guadagni passati, ma anche di intaccare il capitale destinato al trading.
Non connesso

ken19

  • Messaggi: 17
  • Iscritto il: 10/10/2011, 14:47

Re: Martingala e Antimartingala

Messaggio15/10/2011, 11:40

Hai ragione, e usare le regole del gioco nel trading mi pare una cosa sensata. :13

A beneficio di tutti metto un ink che mi ha dato grandi idee lhttp://www.tradingprofessionale.it/indexarticolo.php?idarea=2&idsez=11&idart=3021&ids=no
e questo PDFhttp://www.tradingprofessionale.it/download/MoneyManagement.pdf

Da qui si può arrivare al metodo a cancellazione o di Labouchere che è molto semplice:
consiste nello scommettere seguendo una serie di 5 numeri che cancelliamo quando si guadagna e si aggiungono quando si perde. Come spiegano benissimo e con tabelle a questi Link http://www.inteapuestas.com/scommesse/labouchere.htm

Se si discuterà di questi argomenti posso portare delle testimonianze personali come usare la cancellazione nel trading usando le azioni/future come fossero pedine. Spero di aver fatto cosa gradita :12
Non connesso
Avatar utente

Sinapsi

  • Messaggi: 135
  • Iscritto il: 11/10/2011, 14:31

Re: Martingala e Antimartingala

Messaggio15/10/2011, 11:49

ken19 ha scritto:Hai ragione, e usare le regole del gioco nel trading mi pare una cosa sensata. :13

A beneficio di tutti metto un ink che mi ha dato grandi idee lhttp://www.tradingprofessionale.it/indexarticolo.php?idarea=2&idsez=11&idart=3021&ids=no
e questo PDFhttp://www.tradingprofessionale.it/download/MoneyManagement.pdf

Da qui si può arrivare al metodo a cancellazione o di Labouchere che è molto semplice:
consiste nello scommettere seguendo una serie di 5 numeri che cancelliamo quando si guadagna e si aggiungono quando si perde. Come spiegano benissimo e con tabelle a questi Link http://www.inteapuestas.com/scommesse/labouchere.htm

Se si discuterà di questi argomenti posso portare delle testimonianze personali come usare la cancellazione nel trading usando le azioni/future come fossero pedine. Spero di aver fatto cosa gradita :12


Questo è un esempio di sfruttamento di sistemi a cancellazione fatto con le opzioni sul titolo Unicredit che prevede l'acquisto del sottostante e la copertura con la vendita di Call ATM. La cosiddetta Call waiting... dove è possibile guadagnare sia con il sottostante sia con le opzioni ... ma ne riparleremo a tempo debito...

Comunque grazie ken19 di avermi dato l'opportunità di parlarne :!: ;)
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Non connesso
Avatar utente

Sinapsi

  • Messaggi: 135
  • Iscritto il: 11/10/2011, 14:31

Re: Martingala e Antimartingala

Messaggio15/10/2011, 12:35

Quando facciamo trading come prima cosa ci dobbiamo occupare di tagliare le perdite e poi successivamente di ottimizzare i profitti.
Le perdite fanno parte – come si sa o si dovrebbe sapere - del gioco, è una componente impossibile da eliminare nell’attività di trading, ma può essere adeguatamente controllata e gestita.

Il primo concetto da fissare in mente è quello di Drawdown vale a dire la serie negativa consecutiva di trade perdenti.
Non connesso
Avatar utente

Sinapsi

  • Messaggi: 135
  • Iscritto il: 11/10/2011, 14:31

Re: Martingala e Antimartingala

Messaggio15/10/2011, 13:03

Il Drawdown rappresenta la vera bestia nera con cui il trader si confronta.
Succede spesso, che il trader collezioni per esempio una serie di trade vincenti che lo portano nel giro di poco tempo ad accumulare un consistente guadagno.
Contemporaneamente egli sviluppa una condizione psicologica sbagliata, una certa faciloneria nei comportamenti, che lo portano a sottovalutare i rischi assunti sul mercato.
Poi, inevitabilmente arriva la “mazzata”, cioè la serie negativa, ossia il brusco ed incontrollato Drawdown, che lo spazza definitivamente via dal mercato.
Guardate! Non sono casi isolati. Ricordate che questa è una delle situazioni più frequenti che si riscontrano quotidianamente nel trading. :o
Non connesso
Avatar utente

Sinapsi

  • Messaggi: 135
  • Iscritto il: 11/10/2011, 14:31

Re: Martingala e Antimartingala

Messaggio15/10/2011, 13:41

Il minimo comun denominatore di tutti i sistemi di Money Management è che quando si guadagna si aumenta l’esposizione, quando si perde la si riduce.

Ad onor del vero questo criterio è dettato anche dal buon senso; non c’è dubbio che un trader che passa da 10.000€ di capitale iniziale a 50.000€ è giusto che possa e debba assumersi delle esposizioni maggiori tali da consentirgli di arrivare più velocemente a traguardi più ambiziosi.

Ben diverso è invece il caso in cui un trader inizia con 10.000€ e dopo un po’ se ne ritrova 5.000€. :oops: In questo circostanza, oltre a serie riflessioni sul suo operato, è del tutto evidente che una riduzione dell’esposizione rappresenterebbe il toccasana per il suo conto trading.
Non connesso
Avatar utente

Sinapsi

  • Messaggi: 135
  • Iscritto il: 11/10/2011, 14:31

Re: Martingala e Antimartingala

Messaggio15/10/2011, 13:55

Come primo passo è bene dare un’occhiata alla tabella riportata che riassume quanto deve essere la percentuale da recuperare per azzerare una minusvalenza.

Si vede benissimo che – se non viene definita la perdita massima a cui si va incontro, essa può generare delle perdite che diventano a mano a mano impossibili da recuperare fino a esaurire completamente il capitale disponibile per fare trading.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Non connesso
Avatar utente

Sinapsi

  • Messaggi: 135
  • Iscritto il: 11/10/2011, 14:31

Re: Martingala e Antimartingala

Messaggio15/10/2011, 15:54

Per difenderci da uno scenario caratterizzato da un eccessivo Drawdown bisogna adeguare l’esposizione assunta di volta in volta sul mercato in funzione del capitale a disposizione; solo così si riesce a minimizzare in termini relativi la perdita effettiva e conservare una parte di capitale necessaria per recuperare.

Facciamo un esempio concreto:

Poniamo che due trader abbiano a disposizione 100.000€ di capitale da destinare a questa attività, uno opera sempre con lo stesso sistema, indipendentemente dalle circostanze e dal mercato, stabilendo per esempio una perdita massima per ogni operazione di 2.000€; l'altro, invece, modifica la dimensione della propria posizione in funzione del proprio capitale stabilendo a priori una esposizione massima del 2% rispetto al capitale.
Prossimo

Torna a Concetti di base

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron