Oggi è 27/09/2020, 19:02


Per chi è alle prime armi …

In questo spazio vengono discussi argomenti semplici che riguardano soprattutto chi è alle prime armi
  • Autore
  • Messaggio
Non connesso
Avatar utente

AZ13

  • Messaggi: 20848
  • Iscritto il: 28/09/2011, 22:27

Re: Per chi è alle prime armi …

Messaggio16/04/2012, 11:50

Bhe… se non sbaglio… chi acquista rischia di perdere solo la cifra investita e possa, al contrario di chi ha venduto, avere guadagni illimitati. E’ così? :21


E’ così. Teoricamente la Borsa potrebbe salire all’infinito. Va be': solo in teoria. Però può salire molto. E può salire velocemente. Così come può scendere molto e - te lo assicuro - molto più velocemente di quanto non faccia quando sale. Se si acquistano opzioni si sa in anticipo quanto, eventualmente, si potrà perdere.

Vendere opzioni senza alcun “paracadute”, invece, può essere molto pericoloso.
Meno si rischia più si guadagna ...
Non connesso
Avatar utente

AZ13

  • Messaggi: 20848
  • Iscritto il: 28/09/2011, 22:27

Re: Per chi è alle prime armi …

Messaggio16/04/2012, 12:24

Suppongo che presto mi parlerai di questo tipo di “paracadute”. :o

Ancora è prematuro parlarne. Prima dobbiamo concentrarci su come funzionano le opzioni ed essere sicuri che hai imparato a conoscere perfettamente le variabili che concorrono alla formazione dei prezzi.

Non avere fretta!
Meno si rischia più si guadagna ...
Non connesso
Avatar utente

AZ13

  • Messaggi: 20848
  • Iscritto il: 28/09/2011, 22:27

Re: Per chi è alle prime armi …

Messaggio01/05/2012, 10:24

Tempo fa, riferendoci alle opzioni Mibo - cioè quelle che hanno come sottostante l’indice Ftse Mib - abbiamo fatto cenno al prezzo di esercizio precisando che è possibile acquistare opzioni al valore del sottostante (più verosimilmente, ad un valore vicino al sottostante poiché le opzioni sono prezzate di 250 punti in 250), oppure ad un valore che può essere inferiore o superiore a quello del sottostante.

Hai parlato di un indice a 20000 punti. E hai detto che oltre ad opzioni con prezzi di esercizio 20000 si possono trovare opzioni con prezzi di esercizio più alti 20250, 20500, 20750, 21000 punti. E più bassi: 19750, 19500, 19250, 19000. :16

Esatto! Per la verità i prezzi di esercizio delle opzioni possono estendersi a valori anche più distanti dall’indice di Borsa, cioè dal sottostante, ma non è questo che adesso ci interessa.
Meno si rischia più si guadagna ...
Non connesso
Avatar utente

AZ13

  • Messaggi: 20848
  • Iscritto il: 28/09/2011, 22:27

Re: Per chi è alle prime armi …

Messaggio01/05/2012, 10:34

Ci interessa piuttosto introdurre tre termini utilizzati spesso tra gli addetti ai lavori che è fondamentale conoscere per comprendere questo tipo di strumento:


At the money (ATM)

Quando lo strike è uguale o molto vicino al prezzo di mercato del sottostante, si dice che l’opzione è At the money (o ATM). Ciò vale indifferentemente per le opzioni Call e per le opzioni Put.
Meno si rischia più si guadagna ...
Non connesso
Avatar utente

AZ13

  • Messaggi: 20848
  • Iscritto il: 28/09/2011, 22:27

Re: Per chi è alle prime armi …

Messaggio01/05/2012, 10:48

In the money (ITM)

Quando l’esercizio dell’opzione è vantaggioso rispetto al prezzo di mercato del sottostante, si dice che l’opzione è
In the Money (o ITM). In questo caso il tipo di opzione (call o put) non è irrilevante.

In che senso? :21

Ti spiego…

Si è detto che l’opzione call conferisce il diritto di acquistare il sottostante ad uno prezzo strike prefissato. Tale esercizio, pertanto, sarà vantaggioso solo se lo strike è inferiore al prezzo di mercato.

Una call, quindi, si definisce ITM quando lo strike sarà inferiore al prezzo corrente di mercato.

Per una put, invece, è vero l’esatto contrario. La put attribuisce all’acquirente il diritto di vendere, al prezzo strike, il sottostante. Tale vendita sarà vantaggiosa solo se lo strike sarà superiore al prezzo corrente del sottostante. Di conseguenza un’opzione put è ITM quando lo strike è superiore al prezzo corrente del sottostante.

Chiaro?

Chiaro! Andiamo avanti… :25
Meno si rischia più si guadagna ...
Non connesso
Avatar utente

AZ13

  • Messaggi: 20848
  • Iscritto il: 28/09/2011, 22:27

Re: Per chi è alle prime armi …

Messaggio01/05/2012, 10:59

Out of the money (OTM)

Quando l’esercizio dell’opzione non è vantaggioso rispetto al prezzo di mercato del sottostante, l’opzione si definisce Out of the Money (OTM). Analogamente a quanto detto in precedenza, una call è OTM quando lo strike è superiore al prezzo di mercato del sottostante; l’opposto dicasi per una put.
Meno si rischia più si guadagna ...
Non connesso
Avatar utente

AZ13

  • Messaggi: 20848
  • Iscritto il: 28/09/2011, 22:27

Re: Per chi è alle prime armi …

Messaggio01/05/2012, 11:20

Potresti essere più preciso con un esempio? :19

Eccolo… guarda la figura: immaginiamo che il sottostante prezzi 20000 punti. La Call 19500 sarà ITM mentre la Put con lo stesso strike sarà OTM; viceversa la Call 20500 sarà OTM mentre la Put con lo stesso strike sarà ITM. Naturalmente sia la Call che la Put 20000 saranno ATM.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Meno si rischia più si guadagna ...
Non connesso
Avatar utente

AZ13

  • Messaggi: 20848
  • Iscritto il: 28/09/2011, 22:27

Re: Per chi è alle prime armi …

Messaggio01/05/2012, 11:59

Prima di andare avanti è bene soffermarci su altri due termini importanti direttamente collegati a quelli precedenti - poi capiremo perché - con cui avremo spesso a che fare.

Ricorda che le opzioni, pur essendo strumenti finanziari derivati, hanno un valore proprio che può essere diviso in due componenti:

  • valore intrinseco
  • valore temporale

2.jpg


Valore intrinseco + Valore temporale = Premio
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Meno si rischia più si guadagna ...
Non connesso
Avatar utente

AZ13

  • Messaggi: 20848
  • Iscritto il: 28/09/2011, 22:27

Re: Per chi è alle prime armi …

Messaggio01/05/2012, 12:28

Come puoi immaginare, il valore intrinseco rappresenta qualcosa che realmente già esiste. Si tratta semplicemente della differenza tra sottostante e prezzo di esercizio.

Poi c’è il valore temporale. Chi ti vende un’opzione vorrà farsi pagare anche il tempo che ti concede affinché la tua previsione si concretizzi. Sia che tu abbia scommesso in un rialzo della Borsa acquistando una Call, sia che tu abbia scommesso in un ribasso acquistando una Put.

Pfuii.., le cose si complicano per quanto mi riguarda! :15

Niente affatto: calma e gesso! Immagina che, al posto di un’opzione, tu debba acquistare una bottiglia di preziosissimo olio (un omaggio a Talete!).

3.jpg

Ad un certo momento il commerciante avrà riempito metà bottiglia. In quel momento l’olio già versato nel recipiente costituirà il valore intrinseco mentre la parte ancora vuota potrà essere vista come valore temporale. Non vale nulla per adesso, ma varrà se e nel momento in cui sarà riempita.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Meno si rischia più si guadagna ...
Non connesso
Avatar utente

AZ13

  • Messaggi: 20848
  • Iscritto il: 28/09/2011, 22:27

Re: Per chi è alle prime armi …

Messaggio01/05/2012, 12:41

Il concetto è chiaro. Se magari mi facessi un esempio riferito alle opzioni sarebbe l’ideale! :27

Fai conto che il sottostante quoti 20000. Si dirà, di una Call con strike Price 19500, che questa opzione ha un valore intrinseco di 500 punti:

Valore intrinseco di una Call = Sottostante – Strike Price

E siccome lo strikeprice dell’opzione è inferiore al valore del sottostante diremo che questa Call è ITM.
Quindi le Call ITM per definizione hanno tutte un valore intrinseco.
Meno si rischia più si guadagna ...
PrecedenteProssimo

Torna a Concetti di base

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti